Omaggio a Gaber – Chiedo scusa se parlo di Giorgio
22 agosto 2014
21:30
CASTRIGNANO del CAPO (Le), Piazza S. Michele
Google Map


L’amministrazione comunale
di CASTRIGNANO del CAPO
presenta:

 

“CHIEDO SCUSA SE PARLO DI GIORGIO”
Omaggio al sig G

 

Luigi Mariano:
voce, chitarra.

 

 _______________________
LE MIE IMPRESSIONI:

La penultima data di agosto dell’omaggio a Gaber è andata piuttosto bene (forse è stata la data in cui ero più in forma) e si è svolta in una piazzetta del centro di Castrignano del Capo, chiuso al traffico per l’occasione. Alla mia destra una chiesa, alla mia sinistra un bar coi tavolini (tutti venuti per me). Bel palchetto, faretti, sedie, attenzione. Ho capito che la situazione era “buona” e come la volevo io. E questo lo si capisce fin dal primo secondo. E ho potuto cantare e recitare in scioltezza, senza intoppi e senza patemi. Ogni tanto do delle sforbiciate alla scaletta quando mi accorgo che, snellendola in alcuni punti cruciali, il tutto acquisisce maggiore dinamismo ed impatto. Così ho fatto ieri sera, con ottimi risultati. Oltre ai salentini, c’erano una giovane famiglia romana e una coppia milanese, con cui mi sono intrattenuto a lungo, sia prima che dopo, hanno voluto comprare il disco. Bella gente davvero. Ho parlato con molti altri e mi sono accorto che questo spettacolo mi ha portato molto a contatto con la famosa “piazza” (“c’è solo la voglia, il bisogno di uscire, di esporsi nella strada, nella piazza“, cit.), con la gente dei centri storici, ho respirato tanto tanto contatto umano “diretto”, ho stretto una marea di mani sia prima che dopo, ho affrontato tantissimi discorsi (“perché il giudizio universale non passa per le case, le case dove noi ci nascondiamo“, cit.), ho molto raccontato la mia storia artistica e umana alla gente, che ha capito benissimo (anche quelli che non mi conoscevano) quanto questo spettacolo sia semplicemente “collaterale” rispetto ai concerti di mie canzoni, cui ovviamente tengo molto di più. Però ho finora imparato molto e sono grato a “Chiedo scusa se parlo di Giorgio”.